Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2017

Unboxing bancarella #2

Bottino alla bancarella dell'usato ✌

"I sublimi segreti delle Ya Ya Sisters" Rebecca Wells "Afrodita" Isabel Allende "La bella signora Seidenman" Andrzej Szczypiorski "Il sentiero per Crow Lake" Mary Lawson "L'apprendistato di Duddy Kravitz" Mordecai Richler




Unboxing Bancarella #1

Ultimi acquisti alla mia bancarella dell'usato di fiducia 😍





"Sette storie gotiche" Karen Blixen
"Il nome della rosa" Umberto Eco
"Il buio oltre la siepe" Harper Lee
"La prima moglie" Daphne du Maurier
"Possessioni" Vernon Lee
"Sei biblioteche" Zoran Zivkovic
"Il sogno di un uomo ridicolo, La mite" Fëdor M. Dostoevskij



"Tutto cambia. La saga dei Cazalet." di Elizabeth Jane Howard

Ultimo volume della saga dei Cazalet.
Scritto nel duemilatredici, esattamente diciotto anni dopo l'ultimo dei primi quattro volumi: Gli anni della leggerezza, Il tempo dell'attesa,Confusionee Allontanarsi.
Il primo volume è stato scritto negli anni '80 e l'ultimo negli anni '10 del duemila, poco prima della morte dell'autrice. Una domanda mi perseguita da quando ho iniziato la lettura di Tutto cambia, perchè questa scelta dopo tanto tempo? Perchè un finale aperto? Elizabeth pensava di regalarci un sesto libro?


La narrazione si sviluppa a cavallo tra il giugno del 1956 e il dicembre del 1958. La guerra è finita. Tutti sono ormai grandi e conducono una vita autonoma secondo le proprie attitudini e scelte. I figli dei figli sono diventati genitori, si sono sposati, hanno divorziato, trovato un lavoro o sono ancora in cerca della propria strada. Il libro precedente mi aveva lasciata piena di speranza per il futuro, di gioia per ognuno dei giovani Cazalet. Soprattut…

"Wildwood. I segreti del bosco proibito." di Colin Meloy & Carson Ellis

Lo ammetto, questo libro mi ha attirata principalmente per la bellezza delle sue illustrazioni autunnali e fiabesche. I rimandi ai racconti che leggevo da bambina han fatto il resto. Ammetto anche che la lettura di questo tomone puo' risultare leggermente noiosa, passate le prime pagine in cui si delinea la storia e inizia l'azione ci sono capitoli in cui la narrazione stagna e ci si annoia un po'. Non nego che ci vorranno un bel po' di pagine prima che la vicenda torni ad appassionare il lettore ma da quel momento in poi sarà tutta avventura. Io mi sono risvegliata circa a metà libro e la lettura a quel punto mi ha trascinata fino alla fine senza interruzioni e con qualche lacrimuccia.




La nostra protagonista, Prue, vive a Portland con la sua famiglia. Un sabato pomeriggio si trova al parco con il fratellino Mac quando una turba di corvi lo rapisce, portandolo in volo al di là del fiume, dove si trova la landa impenetrabile, un bosco fitto e pericoloso sul quale giran…

"Il re dell'uvetta" di Fredrik Sjoberg

Tutt'a un tratto, solo per un istante, mi parve di intravedere un legame. Come se la storia di Eisen mi ricordasse qualcosa. Era da più di un anno che gli davo la caccia in archivi e libri e mi ero avvicinato tanto da avere a volte l'impressione che fosse il contrario, che fosse lui a dare la caccia a me. In ogni caso ero fermamente deciso a non perdere le sue tracce confuse. Mi divertivo, forse era tutto qui.


Ecco un altro piccolo capolavoro. Scorrevole più dei precedenti, lo svedese che ha catturato l'interesse dell'autore questa volta non mi ha particolarmente coinvolta. Ho apprezzato la sua storia, il legame incredibile con i protagonisti dei due libri precedenti, l'anima eclettica e dai mille interessi racchiusa in un uomo che ha raggiunto i cento anni sempre in piena attività e fermento intellettuale. Un uomo che non si è mai arreso, nonostante il fato avverso e i problemi, nonostante le voci e lo scetticismo. 

Perchè uno non si arrende? Che cos'è quel desid…

Autunno a Santa Maria del Monte - Sacromonte di Varese -

Ottobre. Domenica mattina.
Sveglia presto, con la speranza di aprire la finestra e trovare una giornata di sole, l'idea quella di scalare il Sacromonte di Varese. La verità è che ce la siamo presa comoda, abbiamo fatto colazione, ci siamo crogiolati nella morbida bellezza di una domenica mattina libera e ci siamo mossi un po' tardi, troppo per una salita impegnativa sotto il sole e con la pancia piena.
Cambio di programma. Arriviamo in macchina direttamente ad un balcone panoramico, appena prima della via che porta al Santuario e alla cittadina arroccata di Santa Maria del Monte.

La vista è mozzafiato, in cielo poche nuvole, il bosco vestito d'autunno e un sole caldo a rendere tutto più piacevole.



Il primo luogo che incontriamo lungo la strada è un piccolo cimitero. Nessuno prende la discesina per raggiungerlo quindi è vuoto e silenzioso. Ci sono poche tombe, alcune antiche, altre trasportate qui dal vecchio cimitero, oggi trasformato in un piccolo giardino recintato, dal…

"Il giallo di Gaslight Street" di M.R.C. Kasasian

Sono accadute cose terribili in quella dimora e, inseguito a diverse scosse, la facciata è collassata nella strada, trasformando l'edificio in un'enorme casa delle bambole con le interiora esposte. Alcuni mobili sono andati distrutti con il crollo, altri sono stati saccheggiati, ma il tavolo ottagonale è ancora lì, che sbircia tra la polvere e le macerie. Per un momento ho creduto di vedere Cherry leggere una lettera vicino al camino e per poco non l'ho chiamata. Poi mi sono ricordata che ci separa un abisso, e che mi costerebbe la vita valicarlo.


Quarto caso affidato ai Detective di Gower Street.
Un caso complicato, pieno di risvolti inaspettati e colpi di scena.
Ogni qualvolta la soluzione sembri a portata di mano, le carte si rimescolano e una nuova partita ha inizio.
La prima metà del libro mi ha un po' confusa e sembrava tirare per le lunghe le vere e proprie indagini, perdendo tempo tra convenevoli e trattative d'affari legate agli umori dell'ereditiera Cher…

Gaga: Five Foot Two

Non ho mai scritto di documentari, film o serie tv. Sono sempre rimasta fedele al connubio libri-cibo, forse perchè non ho mai trovato qualcosa che mi colpisse come il documentario su Lady Gaga.





Tempo fa ho letto e conservato un'intervista che le era stata fatta poco prima dell'uscita di Joanne. Mi avevano colpita la sua umanità, l'intelligenza, l'emotività e la grande forza interiore. Ho pensato: wow. Consapevole dell'aura dorata applicata da certe riviste patinate, ho conservato quelle pagine nella mia cartelletta delle Donne da cui trarre ispirazione, pronta per una rilettura ispiratrice o una critica smentita.
Il documentario segue Gaga nelle ultime fasi di registrazione, promozione, uscita di Joanne e si conclude con lo show da brivido al Super Bowl. 





C'è tanto cuore, nelle parole e nei gesti di questa artista. Ci sono delusioni d'amore contrapposte ad successo planetario, una famiglia amorevole e presente, amici con cui festeggiare, dolori fisici ins…