Passa ai contenuti principali

Post

"Gli scomparsi di Chiardiluna" di Christelle Dabos

Se Fidanzati dell'invernoè stata una splendida scoperta, con questo secondo capitolo della saga è stato amore alla prima lettura. Non ho nessuna intenzione di fare spoiler (ci pensa già, ahimè, il retro del libro dove praticamente viene svelata l'intera trama... perché mai????
Per fortuna mi è caduto l'occhio solo dopo averlo finito, al contrario ci sarei rimasta parecchio male...). Questo libro è una continua scoperta e val la pena goderselo in tutta la sua bellezza. Gli universi delle vaie Arche acquistano una maggiore caratterizzazione e nitidezza, i fatti, la storia passata e il futuro, i luoghi e soprattutto i protagonisti assumono ormai caratteristiche così peculiari da sembrare reali, persone incontrate, conosciute e identificabili in azioni e parole. Ofelia è una protagonista di carattere e valore, i suoi occhi e la sua capacità di leggere il mondo ci guidano tra le pieghe della storia, le sue emozioni ci travolgono. Thorn si rivelerà un uomo pieno di sorprese, co…
Post recenti

"Sarò strana io" di Daniela Mazzoli

Avete presente quando parlate da sole? Si, so che lo fate anche voi ^^ Quando blaterate cose per messaggio alla vostra amica? (Tommaso Paradiso con i tuoi vocali da soli dieci minuti, scansate proprio) Quando fate quei pensieri arguti, profondi, divertenti e vorreste scriverli perché questo sì che è geniale e cattura il momento di disagio assoluto, gioia sfrenata, riflessione, noia e quant'altro che state vivendo??  Ecco.. qualcuno l'ha fatto e l'ha fatto anche bene! In un flusso tragicomico, romantico, disagiato e pungentemente cinico scorrono i giorni e si srotolano pensieri, emozioni, voglie e speranze dell'autrice. Un diario godibile e divertente, fatto di piccoli momenti strappati sia alla quotidianità che alle più profonde riflessioni. Si può leggere tutto d'un fiato ma anche centellinare lasciando sedimentare nella testa e nel cuore riflessioni che toccano ognuna di noi.










"In cucina con Kafka" di Tom Gauld

Una piccola ed ironica raccolta di vignette sul mondo
dei libri, dell'editoria, degli scrittori e dei lettori.
Gauld con sguardo acuto e a tratti pungente
ci regala piccoli universi nei quali tuffarci.










"Mary e il Mostro" di Lita Judge

Erano in tanti a non credere che fosse stata Mary Shelley, poco più che adolescente, a scatenarmi: una Creatura così potente e assassina da perseguitarli nei sogni.






Questo splendido volume illustrato ad acquarello, ci conduce, con il passo lieve ed emozionante della scrittura in versi, nel complesso universo di Mary Shelley e della sua Creatura. Le tinte cupe, a tratti sfocate, ci regalano la sensazione di veleggiare tra sogno e realtà, in un clima tempestoso, l'aria carica di elettricità e tensione, le turbolenze della vita di Mary come grossi cumulonembi che si addensano nelle sue giornate. La figura di Percy, grande amore perduto e ritrovato, legata a quella controversa di Byron, la famiglia, i lutti, l'amore e il disamore e poi la Creatura. Una vita incredibile quella di Mary, che a soli diciannove anni, porta dentro di sè un universo e una quantità di esperienze così complesse e turbolente da aver dato vita ad un capolavoro in cui si condensano le credenze di un'epoca, i…

"Inverno. Il racconto dell'attesa" di Alessandro Vanoli

Ti racconto l'inverno. E lo conosci da sempre. Ti attende, fuori dalla finestra, incorniciato dai vetri spessi e appannati:  in un bianco silenzioso manto posato su alberi e montagne,  che illumina la notte di una luce livida e calda. Il silenzio tutto attorno, dei suoni ovattati nella neve, di una natura che trattiene il respiro in attesa di altre stagioni, di una fredda gentile morte che porta in sé nascosta la promessa della vita. E noi qui dentro al caldo di un fuoco accesa, a raccontare storie coi volti animati dai riflessi delle fiamme e un odore di legna  tutt'attorno.



Questo libro è un piccolo gioiello.  Un inno all'inverno, un viaggio nel tempo e nelle profondità della tradizione e dei riti che han dato vita a tutto quello che oggi conosciamo. La narrazione è coinvolgente, piena di immagini e suggestioni. Storia, letteratura, arte, tradizioni religiose e pagane, quotidianità, tutto concorre a creare un'atmosfera intima. Il racconto inizia attorno al fuoco, in una no…

"Cinzia" di Leo Ortolani

Se pensate che essere dei transessuali sia un problema, allora non avete mai avuto veramente un problema. Allora non siete mai stati dei transessuali innamorati.












Questa lettura è stata una piacevole scoperta. Ho apprezzato molto il modo in cui temi di attualità più o meno controversi sono stati affrontati. Ironia, comicità, la giusta vena caustica, romanticismo, perbenismi, riferimenti biblici. Tutto scorre con una calma e gentile narrazione che pian piano scava nella coscienza e lascia un segno.  Cinzia è grandiosa, una farfalla multicolore in un mondo grigio.  La sua sincerità è disarmante,  ha la capacità di disintegrare qualsivoglia barriera ideologica.  E' vera, reale ed indimenticabile.





"Tosca dei boschi" di Teresa Radice & Stefano Turconi

"Ma non c'è da scherzare con le storie, sai, Zaccheo?
Sono cose potenti.
Cose che possono dare una svolta a una vita intera."





Tosca dei boschi è una piccola meraviglia. Una fiaba a lieto fine dove non manca nulla: avventura,  battaglie, amicizia, amore, tradimenti e colpi di scena inaspettati. Le ambientazioni sono splendidamente realistiche, se siete stati in Toscana, ritroverete qui tutti i dettagli di città, chiese, castelli e della rigogliosa campagna che circonda borghi e manieri. I personaggi, gli spaccati di vita quotidiana, gli abiti e i mestieri sono minuziosamente caratterizzati. La narrazione si apre con le pagine di un antico libro dalla pesante copertina ed è intervallata dalle miniature dei monaci, figure di sostegno e accoglienza, saggezza e consiglio. La lingua è quella trecentesca e qua e là ritroviamo i versi dei sommi poeti (ritratti in maniera magnifica dalla magica penna di Stefano) strimpellati al liuto da Rinaldo, fratello di Tosca. I due protagonisti…

"Uomini e troll" di Selma Lagerlof

Raccolta di racconti evocativa ed affascinante. Ritroviamo tutti gli elementi tipici delle fiabe nordiche: il labile confine tra realtà e soprannaturale, bene e male, sogno e mondo tangibile.
Ogni storia nasconde insegnamenti, avvertimenti, lezioni, esempi, a volte anche crudeli e crudi come solo la realtà sa essere. La natura è protagonista, così come troll, folletti, briganti, pastori e leggendari abitanti di laghi e fiumi. La brevità degli scritti non pregiudica la bellezza di questi spaccati di meraviglia, anzi, ne esalta la capacità di colpire il lettore in pochi passaggi carichi di lirismo.

Il bambino scambiato ***
Il tomte di Toreby ***
Una vecchia storia d'alpeggio **
Magister Frykstedt *
A proposito di emigrazione **
Mathilda Wrede **
L'acqua di Kyrkviken *
Lo spirito servitore **



Una lettura perfetta per le sere invernali ❄





"Una ladra in biblioteca" di Sue Halpern

"Lei usa il termine 'dramma' dandone per scontato il senso negativo.  Ma è proprio questo che deve comprendere:  le storie non si svolgono soltanto nei libri o nei film.  La vita di ciascuno si snoda come un racconto,  e in tutti i racconti ci sono i buoni e i cattivi,  e in tutte le storie ci sono conflitti e decisioni,  e tutte le storie, se sono interessanti,  contengono elementi drammatici." 


Quella che leggiamo tra queste pagine è la storia di Kit e della sua nuova vita. E' la storia di un piccolo paese che si sta spopolando e della sua biblioteca, attorno alla quale ruota gran parte della vita cittadina. E' la storia di Sunny, ladra di dizionari, che sconta la sua pena in un luogo dove i libri abbondano. E' la storia di Rusty che arriva in città alla ricerca del suo passato. E' la storia di una comunità, conservata grazie alla memoria storica del luogo, rappresentata dai Quattro.
Il presente e il passato si intrecciano in questa narrazione piacevolissi…

"Mary Shelley e la morte del mostro" di Raquel Lagartos & Julio Cesar Iglesias

Questa graphic novel racconta tra memoria, sogno e realtà, la turbolenta vita di Mary Shelley e della sua creatura, il moderno prometeo, Frankenstein. Per poter apprezzare a pieno la lettura è necessaria una minima infarinatura sull'argomento, nella narrazione non c'è nulla di approfondito, si tratta infatti di un insieme di molteplici spunti molto interessanti sparsi qua e là. Molto belle le riflessioni sul rapporto tra Mary e le diverse fasi della sua vita e l'influenza che queste hanno avuto su di lei e sulla creazione della sua opera maggiore. Il suo passato, rappresentato dalla memoria di una madre ingombrante come Mary Wolstonecraft, un padre letterato contrario al matrimonio con il suo pupillo, Percy Shelley. La fuga, il matrimonio con Percy, i tradimenti, i rapporti con altri letterati, i figli persi e la sparizione improvvisa del marito. Il contesto storico, le scoperte scientifiche del momento, l'elettrogalvanismo e i dubbi morali sul confine reale che separ…